La migliore guida di WordPress per un articolo ottimizzato SEO

Articolo Ottimizzato SEO: La Guida Definitiva Per Scalare I Motori Di Ricerca.

Questa è la guida definitiva per imparare a scrivere un articolo ottimizzato SEO. Creare post ottimizzati per scalare i motori di ricerca grazie all’ottimizzazione SEO In site.

A seguito delle guide WordPress precedenti, il sito è tecnicamente pronto, ora devi conoscere come strutturare un articolo, inserire i titoli, i sottotitoli, i paragrafi, inserire le immagini, i link ipertestuali e poco altro.

Prima di tutto pero’, devi conoscere la differenza tra la creazione di pagine e la creazione degli articoli, così come la funzione delle categorie e dei tag.

In breve, gli articoli sono i post di un blog o le news di un sito, raggruppati in categorie, e visualizzati in una pagina.

I tag servono per creare altri raggruppamenti, meno importanti, in caso parlassi di un argomento in più articoli.

Qui sotto spiego meglio la loro utilità e ti darò delle linee guida riguardo la struttura di un sito.

La differenza tra articoli, pagine e categorie in wordpress.

La differenza tra articoli, pagine, categorie e tags in WordPressLa pagina degli articoli di WordPressGli articoli sono dei contenuti dinamici, scrivi il post, lo pubblichi ed è online, visualizzato in anteprima insieme ai post precedenti all’interno di una pagina.

L’articolo è ad esempio il post di un blog, la notizia di un giornale online o questo stesso articolo che stai leggendo ora.

Ogni volta che crei un articolo, si verrà automaticamente a creare un anteprima che verrà aggiunta nella pagina principale, la homepage, dove vengono visualizzati tutti i post pubblicati in precedenza, dal più recente al più datato.

Per vedere la mia pagina dei post più recenti, clicca qui.

Questi articoli possono essere a loro volta raccolti in categorie, una suddivisione utile per raggruppare i post che trattano dello stessa tema.

I Tag sono un altra suddivisione, più specifica e ‘meno importante’ rispetto al raggruppamento delle categorie.

Se ad esempio ti accorgi che all’interno di un articolo stai parlando di una cosa di cui hai già parlato in precedenza, potresti pensare di aggiungere il Tag con la parola chiave di quell’argomento.

Le pagine

Il Menu, le pagine di WordPressLe pagine hanno invece una funzione diversa rispetto agli articoli, più da contenuto statico.

Le pagine sono in genere utilizzate come contenuti di informazioni base del sito.

Per farti meglio intendere la loro importanza, i collegamenti alle pagine vengono spesso visualizzati nel Menù di navigazione del sito.

Oltre alla pagina che contiene gli ultimi articoli pubblicati, ecco alcuni esempi di pagine: la pagina “Blog” (la pagina degli articoli), la pagina “Chi Sono”, la pagina “Come Raggiungerci”, “Contatti”, “Servizi”, “Risorse”, …

Per creare o gestire gli articoli (e le pagine) devi cliccare su “Pagine” o “Articoli” che vedi nel Menù di WordPress sulla sinistra, le Categorie e i Tag invece, si trovano sotto la voce “Articoli“.

Articolo Ottimizzato SEO, Gli Accorgimenti Per Piacere A Google.

articolo ottimizzato seo

Come utilizzare l’editor di WordPress e strutturare un articolo ottimizzato SEO.

Bene, ora che conosci la struttura e il raggruppamento dei contenuti possiamo passare all’utilizzo dell’editor di WordPress per scrivere e pubblicare i tuoi articoli.

Prima di tutto devo accertarmi che hai installato il Plugin TinyMCE Advanced (o simili), se non lo hai fatto, ti consiglio di visualizzare questa guida con elencati i migliori Plugins di WordPress da installare nella piattaforma.

Nonostante hai già installato TinyMCE Advanced, potresti non visualizzare dei pulsanti che reputo alla base per editare il testo, specialmente per i meno esperti.

Non conosco la ragione per cui questi pulsanti non vengano visualizzati di default. Mi riferisco ai pulsanti che ti serviranno per cambiare la grandezza dei caratteri del testo, il colore del testo e altre basilari opzioni.

Se non li vedi, dovrai aggiungerli manualmente nelle impostazioni del Plugin TinyMCE Advanced.

TinyMCE Advanced, come aggiungere i pulsanti e rendere visibili le funzioni nell'editor di WordPress.Vai quindi su Impostazioni > TinyMCE Advanced e trascina in alto i pulsanti inutilizzati che vedi in basso, per attivarli e visualizzarli nell’editor.

Salva le impostazioni e andiamo ora a creare un articolo con la presenza di questi pulsanti che renderanno più intuitiva e rapida la creazione di un post, con un aspetto simile a quello di Microsoft Word.

Titoli e sottotitoli

La-struttura-dell'articolo-titoli-e-sottotili-l-importanza.Mi spiace dirtelo, ma anche qui, all’interno dell’articolo, esiste una struttura gerarchica. Questa struttura è fatta di titoli, sotto-titoli, sotto-sotto-titoli, paragrafi, ecc…

Attenzione, soprattutto per i principianti, capita spesso di utilizzare le Headings (titoli, sotto-titoli, …) per cambiare l’aspetto delle parole (grandezza, colore, …). Questa pratica è sbagliata.

I tag delle headings (h1, h2, h3, …) hanno un valore e devono essere utilizzati con criterio, non per ingrandire una frase o cambiarne il colore.

Il corretto utilizzo di questi tag è un importante attività da implementare per la corretta lettura delle pagine del sito internet da parte dei motori di ricerca. Utile quindi per il posizionamento organico dell’articolo in base alla parola chiave del tema di cui stai parlando.

La funzione è di gerarchizzare le informazioni presenti all’interno del contenuto per livello di importanza. All’aumentare del valore del tag (h1, h2, h3, h4, …) diminuisce la rilevanza. Un titolo in h1 sarà quindi più importante di un titolo in h2.

Ti faccio vedere un esempio su come dovresti utilizzare gli h1, h2, h3, …

<h1> Titolo della pagina </h1>
<p> Testo relativo all’heading tag H1 </p>
<h2> Primo sottotitolo </h2>
<p> Testo relativo all’heading tag H2 </p>
<h3> Sottoparagrafo 1 </h3>
<p> Testo relativo all’heading tag H3 </p>
<h2> Secondo sottotitolo </h2>
<p> Testo relativo all’heading tag H2 </p>
<h3> Sottoparagrafo 2 </h3>
<p> Testo relativo all’heading tag H3 </p>
<h4> Sottoparagrafo 2.1  </h4>
<p> Testo relativo all’heading tag H4 </p>
<h5> Sottoparagrafo 2.1.1 </h5>
<p> Testo relativo all’heading tag H5 </p>
<h6>  Note </h6>
<p> Testo relativo all’heading tag H6 </p>

Ora che conosci la funzione delle Headings (Titoli) ti faccio vedere come inserirli in WordPress.

Basta selezionare con il mouse il testo, cliccare su Paragrafo e scegliere il Titolo 1 (h1), o il Titolo 2 (h2), …

Come inserire le headings in WordPressCome Inserire Le Immagini In WordPress.

Come inserire le immagini in WordPressInserire le immagini in WordPress è molto semplice, basta cliccare su Aggiungi media > Carica file > Selezionare il file e attendere l’upload dell’immagine.

Terminato l’upload dovresti aggiungere alcune informazioni e selezionare l’azione al click dell’immagine.

Ti consiglio di non lasciare vuoti i campi dei dettagli dell’immagine, anche qui, avrai dei benefici nell’indicizzazione nei motori di ricerca.

In breve, ecco la spiegazione dei campi: Il Titolo è il titolo dell’immagine (visibile in pop-up quando il puntatore del mouse si trova sopra l’immagine), la Didascalia è il testo descrittivo che viene visualizzato in genere sotto l’immagine. Testo Alt è il testo alternativo che viene visualizzato in sostituzione dell’immagine (in caso abbia problemi di caricamento). Descrizione è il campo per descrivere brevemente di cosa tratta l’immagine, non visibile all’interno del post, ma utile per l’indicizzazione nei motori di ricerca.

In seguito, puoi scegliere l’allineamento (dove posizionarla): al centro, allineata a sinistra o allineata a destra.

Il campo Link a è l’azione che segue dopo il click sopra l’immagine. Puoi scegliere File media per far visualizzare l’immagine a risoluzione massima, Allegato pagina per far vedere solo l’immagine all’interno di un post (opzione di cui non comprendo l’utilità), URL personalizzata dove puoi inserire un link per mandare l’utente su un altra pagina o su un altro sito internet (puoi selezionare l’opzione per far aprire il link su una nuova scheda del browser).

Nel campo Dimensione puoi scegliere come far vedere l’immagine all’interno del post. Se scegli di far vedere una piccola anteprima (150×150), l’immagine sarà molto probabilmente tagliata, ma cliccando su di essa, si vedrà in tutta la sua nativa dimensione e risoluzione.

Una volta che hai definito tutti i campi, premi Inserisci nell’articolo.

Come Inserire I Collegamenti Ipertestuali In WordPress.

Come inserire un collegamento ipertestuale su wordpressUn collegamento ipertestuale è il link che, se cliccato, porta ad un altra pagina, interna o su un altro sito internet.

Per creare un link ipertestuale, selezionare la parola da rendere ‘cliccabile’ e clicca sull’icona Inserisci/Modifica link presente nell’editor di WordPress.

Puoi spuntare l’opzione Apri il link in una nuova finestra/scheda per fare aprire la pagina su un altra scheda del browser.

Come Inserire L’Immagine Di Anteprima o In Evidenza (thumbnail) Dell’Articolo.

Come inserire l'immagine di anteprima in wordpress e renderla visibile correttamente su FacebookPer immagine di anteprima, o thumbnail, si intende l’immagine di presentazione dell’articolo, questa immagine verrà visualizzata insieme al titolo e la breve descrizione nella pagina degli articoli o nella condivisone nei social network.

Il thumbnail svolge quindi un ruolo molto importante, in quanto rappresenterebbe la ‘copertina’ dell’articolo. Inoltre, la scelta di una buona immagine, incide positivamente sul CTR (il tasso di click di apertura dell’articolo).

Per caricare l’immagine devi cliccare su Imposta l’immagine in evidenza in basso a destra dell’editor di WordPress (sotto la scheda Tag).

In seguito, carica il file e compila i campi descrittivi dell’immagine (come ti ho mostrato in questo articolo). In questi campi dovrai inserire, ripetere e girare attorno alla parola chiave principale dell’articolo.

L’immagine in evidenza non viene visualizzata correttamente su Facebook, ecco la soluzione.

Un problema frequente che molti utenti incontrano è che l’immagine in evidenza (thumbnail) non viene visualizzata correttamente da Facebook.

Hai pubblicato il tuo articolo, lo stai condividendo su Facebook, ma le informazioni (thumbnail, titolo e descrizione) non vengono letti correttamente.

La soluzione sta nell’utilizzo del debugger di Facebook. È sufficiente incollare l’url dell’articolo e premere Debug.

Se il primo Debug non ha funzionato, premere Fetch new scrape information. Vedrai che ora condividendo il post su Facebook, tutte le informazioni corrisponderanno a quelle immesse nell’editor.

Se dovessi riscontrare ancora problemi di lettura, è probabile che devi svuotare la cache, prima di effettuare il Debug.

Come impostare la struttura migliore del permalink in WordPress (l’url dell’articolo).

Il Permalink o collegamento permanente, è il collegamento di riferimento all’articolo pubblicato. È l’url del post, il link che si legge in alto nella barra degli indirizzi del browser:

Come impostare la struttura migliore del permalink in WordPress (l'url dell'articolo).Il permalink svolge un ruolo molto importante nel posizionamento dell’articolo nei motori di ricerca, e per questo, è bene ottimizzarne la struttura. È una della parti fondamentali che i motori di ricerca scansionano per vedere di cosa tratta l’articolo.

Se non riesci a vedere l’opzione Modifica, accanto a Permalink nell’editor di WordPress, ti consiglio di visionare questa guida che ti spiega come rendere visibile l’opzione di modifica del permalink.

In automatico WordPress creerà un permalink con le stesse parole presenti nel titolo del post. Sebbene sia una automatizzazione che potrebbe essere lasciata così com’è, a volte, è il caso di modificarla, accorciando l’url e ottimizzarla per essere trovati dai motori di ricerca.

Un URL ottimizzata SEO potrebbe essere strutturata lasciando solo le parole chiavi dell’articolo, accorciando e togliendo tutte le parti in più che non risulterebbero utili al posizionamento dell’articolo nei motori di ricerca.

Un esempio; come vedi, il titolo di questo post è:

La Guida Da Leggere Per Utilizzare WordPress Al Meglio, Gli Accorgimenti Per Un Articolo Ottimizzato SEO.

Trattandosi di un titolo abbastanza lungo, ho deciso di accorciare il permalink, lasciando solo le parole chiavi dell’argomento trattato nel post:

https://creareunsitowebpro.com/la-migliore-guida-di-wordpress-per-un-articolo-ottimizzato-seo

Sebbene sia ancora un po’ lungo, ho comunque ottimizzato l’url inserendo le parole chiavi fondamentali per cui voglio che il mio articolo venga trovato dai motori di ricerca.

Ho inserito infatti dei termini chiave che un utente digiterebbe su Google, in questo caso: “la migliore guida di WordPress” e “articolo ottimizzato seo“.

Le altre funzioni e caratteristiche di WordPress, in breve.

Le parti fondamentali nell’utilizzo dell’editor di WordPress sono state spiegate. Voglio concludere questo articolo ricordandoti che è bene utilizzare, se necessario ed opportuno, le altre opzioni presenti nell’editor di WordPress.

Sto parlando dell’assegnazione di un post ad una Categoria, l’utilizzo dei Tag e soprattutto il corretto utilizzo del Plugin WordPress SEO di Yoast per l’ottimizzazione SEO dell’articolo.

Spiegherò come utilizzare WordPress SEO by Yoast in un nuovo articolo dedicato solo a quell’argomento, poiché importantissimo. Per non perdetelo, registrati alla mailing list di creareunsitowebpro.com, (il form lo trovi in fondo ogni articolo).

Ora che hai scritto il tuo articolo, non ti resta che rileggerlo e premere finalmente Pubblica,

Ciao e alla prossima.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.